Le marmitte giganti

Percorso breve (4,4 km, dislivello 306 m) ma molto interessante. Si completa in 2 h 30 di cammino.

Partenza dall’ameno borgo di Montetiffi, inserito all’interno di un’area naturalistica protetta estesa per circa 1400 ettari, caratterizzata dalla presenza di roverelle, ornielle, ginepri, lecci e olmi campestri.

Montetiffi è noto per essere il paese della fabbricazione delle teglie, arte tramandata da molte generazioni. Sulla sommità di una rupe sorge la millenaria Abbazia di San Leonardo, edificata dai montetiffesi nell’XI secolo e donata ai monaci benedettini. E’ uno dei monumenti romanici più importanti dell’Emilia-Romagna; all’interno sono conservati affreschi del Trecento, un fonte battesimale del XVII secolo ed epigrafi del secolo XIV. A breve distanza è visitabile su prenotazione il “Museo Agostino Venanzio Reali – Arte e Poesia”, che raccoglie le opere del Reali, biblista, pittore, poeta e scultore. Questo singolare “artista della fede” riposa nel piccolo cimitero di Montetiffi, da cui ha inizio il nostro percorso escursionistico. La prima parte è in discesa; superata la Chiesa della Cella si prosegue verso il fiume Uso. Il cammino prevede alcuni facili guadi. Una volta giunti a valle, comincia la salita. In questa zona, se si è fortunati, da metà marzo a fine maggio è possibile osservare esemplari di Zerynthia Cassandra, una farfalla piuttosto rara la cui pianta nutrice (Aristolochia) è presente nell’area naturalistica. Il luogo ideale per una sosta è la zona del Ponte Romanico, che rappresenta uno dei punti più affascinanti del percorso. Costruito con arco a tutto sesto attorno all’anno 1000 d.C., in passato era un importante collegamento tra Romagna e Montefeltro, utilizzato anche per il contrabbando di polvere da sparo, tabacco, cognac e mistrà. Accanto al ponte si trovano i resti dell’antico Molino Tornani. Qui il fiume conserva angoli di rara bellezza, caratterizzati dalla presenza di salti e cascatelle e delle cosiddette “Marmitte dei Giganti”, suggestive gole formatesi nel corso dei secoli per l’azione abrasiva dei ciottoli e che danno al paesaggio un carattere “lunare”. La risalita verso Montetiffi si fa attraverso la “Via della rupe”, un antico sentiero scavato nella roccia, erto e difficoltoso, utilizzato un tempo dalle donne del paese per l’approvvigionamento d’acqua e per andare a lavare i panni al fiume.

IL SENTIERO DELLE MARMITTE DEI GIGANTI HA 1 PUNTO DI PARTENZA:

1. MONTETIFFI – CELLETTA
Partenza dalla Celletta di Montetiffi situata all’incrocio tra la Strada Provinciale n.88 e Via Montetiffi.
Raggiungibile dalla Vallata dell’Uso dalle Strade Provinciali n. 88, 30 e 13.
Parcheggio gratuito presso la Piazzetta di Montetiffi a 200m. dal punto di partenza

Guarda il percorso
Condividi su: